Ore 5.30am, suona la sveglia: Open Championship

Ore 5.30am, suona la sveglia! Royal St George’s Golf Club, United Kingdom, primo giro del 149° Open Championship. Respiro.

Faccio un check: batterie, schedine, zaino, giacca a vento, cappello. Ho tutto, si parte!

Arrivo in sala stampa e mi sento come un bambino felice. Mi preparo per l’avventura: una macchina fotografica con il 50mm e l’altra sul mono piede con il teleobiettivo inserito, altri 2 obbiettivi nella cintura insieme ad acqua e poco altro per la sopravvivenza. CORRERE IN CAMPO.

Inizio dal Putting Green, vedo Jordan Spieth che imbuca 3 Putt da 4 metri, mi gaso.

Vado in campo pratica, dopo un primo momento di indecisione, scatto 2 fotografie grandangolari, poi mi avvicino e con il 50 mm mi concentro su DJ, faccio 3 fotografie, ma poi mi soffermo a guardare il suo volo di palla. WHAT A SHOT!

É tardi e devo andare sul tee della 1 a scattare una bella fotografia prima che arrivi Rahm. Passo di corsa dal campo approcci e fotografo 2 uscite dal bunker di Phil. Wow!

Arrivo sul Tee, sono già sudato, sarà l’emozione, respiro. Il sole è sorto da poco e c’è ancora la nebbiolina del mattino. Scatto:

Royal St George’s Golf Club – Buca 1 

Parte Rahm, seguo la prima buca del numero 1 al mondo che gioca con il campione in carica Shane Lowry, nel mentre faccio qualche scatto verso il mare, controluce, con le ombre nette che accentuano le gobbe di questo links meraviglioso.

Arrivo alla 2, aspetto Bryson, voglio sentire una bomba che mi passa sopra la testa mentre lo fotografo, ma la nebbiolina è ancora li, è bellissimo e io, nel mentre, scatto:

Royal St George’s Golf Club – Buca 2

Proseguo. Devo fotografare in ordine: JT, Chicco, Miglio, Hovland, Poulter e Koepka. Dovrò fare almeno 2 scatti ad ognuno, sarà una bellissima prossima ora. 

Guardo il Leaderboard e mi accorgo che Darren Clarke ha imbucato 4 birdie di fila ed è in testa. Lui ha già vinto l’Open in questo campo, è confident, devo fargli subito uno scatto perfetto. Vado a prenderlo.

Le ore passano, fotografo tantissimi putt imbucati, pugnetti, colpi pazzeschi dal rough alto, non mangio, rido e resto concentrato.

Arrivo sul tee della buca 17, è finalmente il momento di fotografare Rory. Guardo il Green, è bellissimo, inizia ad esserci la luce del tramonto, scatto:

Royal St George’s Golf Club – Buca 17

Ore 5.30am, suona la sveglia! Era un sogno… Respiro.

Mi preparo, perché oggi ho altri campioni da fotografare, quelli del Roma Alps Letas Open, e lo farò in grande stile, sperando che, un giorno, i sogni diventino realtà, sia per loro, che per me.

WHAT A DREAM!

Le bellissime fotografie del Royal St George’s qui sopra sono: © Copyright 2018 Design and Photography by Jason Livy


Contenuti simili
Total
0
Share