Maja Stark vince il Women’s NSW Open. L’azzurra Carta è 12esima

E’ Maja Stark la vincitrice wire-to-wire del Women’s NSW Open. La 22enne svedese rimane al comando per tutti e 4 i round, completando un giro finale in 70 colpi (-2) e, con un risultato di -15, sigilla la sua terza vittoria sul Ladies European Tour, davanti alla connazionale Johanna Gustavsson.

Al Coolangatta & Tweed Heads Golf Club la n° 1 della Race to Costa del Sol ha segnato un birdie già alla prima buca, ma perso un colpo alla 12esima, mentre la collega  e connazionale Gustavsson realizzava tre birdie nelle prime nove buche, avvicinandosi alla campionessa al comando.

Le ultime cinque buche, però, vedono la Stark fare un bogey e tre birdie per confermare il suo primo posto, il terzo da quando, lo scorso agosto, è diventata professionista.

“Sembrava che la vittoria potesse scivolarmi via … Johanna alla buca 12 era solo un colpo indietro e la situazione mi ha messo sotto stress”, ha detto la giovane vincitrice.

La 29enne svedese in 2a posizione, a -10, era partita davvero forte, con 3 birdie sulle prime nove buche, seguiti da altrettanti bogey dalla buca 14 alla 16, che hanno fermato la sua rimonta.

L’argentina Magdalena Simmermacher termina il round finale in 71 colpi e, con un risultato di -9, si conquista una terza posizione, per la seconda settimana di fila.

La scozzese Michele Thomson e l’australiana Cassie Porter concludono il torneo in 8 colpi sotto il PAR e sono 4e, a pari merito. Seguono, un colpo più indietro, l’inglese Hannah Burke e la gallese Lydia Hall, al 6° posto nel leaderboard.

La campionessa australiana Sarah Hammett si conferma la miglior amateur per la seconda settimana consecutiva. Realizza un -5 di giornata (67 colpi) per classificarsi 8ava, a -6, insieme alla proette inglese Alice Hewson.

L’azzurra Virginia Elena Carta fa il bis e conclude anche il round finale in 70 colpi (-2), scrivendo 4 birdie e due bogey sullo score. L’ottima performance la porta a -4 totali ed è 12esima nel leaderboard del Women’s NSW Open, mentre sale in 34esima posizione nella Race to Costa del Sol.

A 18 buche dalla fine del Women’s NSW Open la proette Maja Stark è ancora al comando, oggi con 4 colpi di vantaggio sulle campionesse al secondo posto.

La 22enne svedese, che dalla scorsa settimana è prima nella Race to Costa del Sol, chiude il 3° round in 66 colpi (-6) segnando il miglior risultato di giornata. Sullo score scrive un solo bogey e 7 birdie, che le assicurano una 1a posizione nel leaderboard (-13), con un buon margine di vantaggio.

“Voglio vincere. Vorrei sempre vincere e vado sempre in ogni torneo aspettando il meglio da me stessa, quindi non dovrebbe essere qualcosa di insolito domani … devo solo giocare al meglio”.

Seguono, a -9, due proette in 2a posizione: la 29enne svedese Johanna Gustavsson realizza nove birdie e tre bogey, in un momento della sua carriera davvero positivo (già due top10 sul Tour dall’inizio della stagione).

A pari merito, 2a nel leaderboard, c’è l’australiana Cassie Porter, che completa il 3° round del Women’s NSW Open in 67 colpi (-5). Partita con un bogey alla prima buca, segna cinque birdie consecutivi sulle prime 9 buche (dalla 4 alla 8), prima di fare due birdie e due bogey sulle seconde nove.

Un colpo più indietro, a -8, troviamo un trio di campionesse: la scozzese Michele Thomson, che firma uno score di 67 (-5), l’argentina Magdalena Simmermacher e la gallese Lydia Hall, entrambe con un -2 di giornata (70 colpi).

L’inglese Alice Hewson è solitaria al 7° posto (-7), mentre Momoka Kobori della Nuova Zelanda e Genevieve Ling della Malesia sono ottave nel leaderboard, a 5 sotto il PAR.

L’azzurra Virginia Elena Carta conclude il migliore dei 3 round giocati al Women’s NSW Open.

Gira in 70 colpi (-2) con 5 birdie, un bogey ed un doppio bogey sullo score. Con un risultato totale di -2 sale di 8 posizioni nel leaderboard ed è 14esima.

REPORT – Day 2

Dopo 36 buche al Women’s NSW Open, resta in vetta alla classifica Maja Stark, con ancora un colpo di vantaggio sulle proette in 2a posizione. La 22enne svedese completa un 2° round in 69 colpi (-3) con non poche difficoltà. Partita con due bogey sulle prime due buche, riesce comunque a non perde la concentrazione e chiude con 7 birdie e 4 bogey totali.

In 2a posizione la gallese Lydia Hall segna il miglior giro della giornata senza nessun bogey, con 67 colpi (-5). Medesimo risultato anche per l’argentina Magdalena Simmermacher, che scrive quattro birdie sulle prime nove buche, uniti a tre birdie e due bogey sulle seconde nove. Il punteggio di -6 totale non solo garantisce di rimanere in lizza per il fine settimana, ma assicura un 2° posto.

L’inglese Alice Hewson è staccata di una lunghezza (-5), si trova al 4° posto con 5 sotto il PAR, dopo aver concluso un round in 70 colpi (-2).

L’australiana Cassie Porter si trova in 5a posizione, dopo un round chiuso in 68 (-4) colpi. Ha iniziato con due bogey, correggendo poi con sei birdie, dei quali quattro di fila sulle buche dalla 11 alla 14.

Dividono il 6° posto, a -3, quattro proette: Genevieve Ling della Malesia, Carolin Kauffmann della Germania, Johanna Gustavsson della Svezia e Michele Thomson della Scozia.

L’azzurra Virginia Elena Carta completa il 2° round del Women’s NSW Open in 71 colpi (-1). Un giro “movimentato” con 8 birdie, 3 bogey e due doppi bogey che le assicura un risultato finale in PAR. Supera brillantemente il taglio, fissato a +6, con 69 giocatrici che prenderanno parte ai round del fine settimana.

REPORT – Day 1

Al Coolangatta & Tweed Heads Golf Club terminano le prime 18 buche del Women’s NSW Open, con al comando due co-leader: la svedese Maja Stark e l’indiana Amandeep Drall. Entrambe completano il 1° round in 68 colpi (-4).

In Australia parte un’altra settimana con la Stark, due volte vincitrice sul LET, in testa alla competizione, con 6 birdie e due bogey sullo score. La 22enne svedese, che si è guadagnata un 2° posto all’Australian Women’s Classic – Bonville della scorsa settimana, è prima nella Race to Costa del Sol e mira ad ottenere un’altra vittoria questa settimana.

“La settimana scorsa ho fatto alcuni errori sciocchi nelle ultime nove buche. Sono qui per fare di più e meglio. Il mio piano è di rimediare questa settimana”.

Anche per la Drall, che è partita nel pomeriggio, il 1° round del Women’s NSW Open è stato simile: sei birdie e due bogey per essere in cima alla classifica.

Dividono la 2a posizione, a -3 (69 colpi), quattro campionesse: l’amateur australiana Belinda Ji, l’inglese Alice Hewson, che ha fatto un eagle, quattro birdie, un bogey ed un doppio bogey, l’australiana Jordan O’Brien e la scozzese Michele Thomson, che si dice emozionata perchè questo percorso, a differenza di quello della scorsa settimana, è molto più adatto al proprio gioco.

La campionessa in carica Julia Engström si trova in settima posizione con due sotto il PAR, insieme all’amateur australiana Sarah Hammett, la proette olandese Romy Meekers e la tedesca Carolin Kauffman.

L’azzurra Virginia Elena Carta chiude il 1° round del Women’s NSW Open in 73 colpi, consegnando uno score con 3 birdie e 4 bogey. Con il risultato di +1 è 26esima nel leaderboard.

PRE GARA – LET Women’s NSW Open

Dal 28 aprile al 1 maggio le proette del Ladies European Tour saranno impegnate nel secondo appuntamento australiano, organizzato in combinata con il WPGA Tour of Australasia. L’evento, alla sua 4a edizione, è itinerante e si tiene, quest’anno, al Coolangatta & Tweed Heads Golf Club.

Negli anni precedenti è stata la neo vincitrice inglese Meghan MacLaren a trionfare per due anni consecutivi: nel 2018 al Coffs Harbour Golf Club e nel 2019 al Queanbeyan Golf Club.

Nel 2020, invece, ultimo anno di disputa della tappa LET in Australia, era stata la 18enne Julia Engström a conquistare il primo titolo sul Tour al Women’s New South Wales Open al Dubbo Golf Club. Schierata nel field di quest’anno la svedese è pronta a difendere il proprio titolo, insieme alla collega connazionale e n°1 nella Race to Costa del Sol Maja Stark, all’inglese Alice Hewson, alla gallese Lydia Hall e (ovviamente) a Meghan MacLaren.

L’unica italiana in gara, come la scorsa settimana, è la proette Elena Virginia Carta, protagonista nella top10 fino all’ultimo giro dell’Australian Women’s Classic.


Contenuti simili

Il budget della LIV Golf

Il budget della LIV Golf La prima stagione della Lega sostenuta dal Public Investment Fund, il fondo sovrano…
Total
0
Share