Johnny Reay – amo il golf perché è un gioco equo

Dal 3 al 5 maggio 2022 lo Stoneleigh Deer Park Golf Club in Inghilterra ospiterà la prima edizione del torneo EDGA “Johnny Reay Classic”, valido per il ranking mondiale WR4GD in tre categorie: Strokeplay Gross, Strokeplay Net e Stableford.

Lo stesso Johnny Reay giocherà, oltre ad ospitare il torneo che porta il suo nome.

Ma conosciamolo un po’ meglio.

Johnny ha quasi 30 anni, un handicap di 10.9, è molto conosciuto nel circuito EDGA ed ha una malattia rara denominata Sindrome di Apert. Questa malattia prende il nome dal medico francese Eugène Apert, ed è caratterizzata da malformazioni del cranio, del viso, delle mani e dei piedi.

Johnny racconta: “Sono nato con … non malattia… ma una disabilità chiamata Sindrome di Apert. Prima di tutto, sono andato al Birmingham Children’s Hospital. Non hanno potuto operarmi fino all’adolescenza. Poi dicevano di andare in America, ma era troppo costoso. Poi finalmente ho trovato un ospedale dove ho subìto numerosi interventi chirurgici: mi hanno separato le dita che erano attaccate tra di loro, e due operazioni alla mascella e al cranio”.

Johnny è entusiasta di ospitare questo evento EDGA e non vede l’ora di dare un caloroso benvenuto a tutti i partecipanti nel suo campo da golf.

Johnny dice: “Stoneleigh Deer Park Golf Club è un campo da golf non troppo lontano da Coventry. In realtà è il campo da golf di mia madre e mio padre. Sono abbastanza fortunato di poter giocare lì ogni volta che voglio, e in realtà ora lavoro lì come direttore generale. È bello. Non è un percorso lungo, ma ha un sacco di vecchi alberi. È davvero divertente da giocare.”

Fonte: EDGA

Le eccellenti strutture e l’atmosfera inclusiva di questo golf club avevano già attirato l’attenzione di EDGA, quindi Johnny era desideroso di discutere con loro la possibilità di un nuovo evento. Immediato l’entusiasmo di entrambe le parti. La nuova competizione è stata subito organizzata, annunciando un torneo di due giorni con un’ulteriore attività di sensibilizzazione e promozione del golf alle persone con disabilità in questa zona dell’Inghilterra.

Johnny dice che questa decisione, unitamente al sostegno di EDGA, è “enorme”, e rappresenta un importante risultato personale. “Enorme” come aver imparato ad eccellere in uno sport nonostante una condizione che può limitare la destrezza fisica e le capacità di movimento.

La famiglia Reay è ben nota a Coventry e nelle Midlands. Il padre di Johnny, John, è un maestro di golf professionista PGA e un uomo d’affari rispettato da tempo.  John Reay è anche ben noto per la sua attività di promozione di eventi benefici.

Il figlio Johnny spiega: “Sì, mio padre fa moltissimo. Quando ero in ospedale, mio padre organizzò dei Charity Golf Day a favore dell’ospedale stesso. Ma la sua attività di organizzatore di giornate di beneficenza continua ancora, a favore anche di altri enti”.

Johnny prosegue: “Come dicevo prima, avevo tutte le dita attaccate tra di loro. Ora non posso comunque piegarle come una persona normale, ma faccio del mio meglio”.

Johnny dice che ama il lato sociale degli eventi internazionali EDGA in cui gioca, ma ha anche uno spiccato senso dell’agonismo.  Racconta di una recente gara contro un golfista “normodotato” di alto livello, dove ha lottato, vincendo all’ultima buca. Queste vittorie sono importanti per lui che da ragazzo ha faticato per riuscire ad impugnare il bastone da golf.

“Ho iniziato a giocare quando avevo due anni, avevo una mazza da golf di plastica. Avendo un padre maestro di golf non credo che avrei potuto praticare nessun altro sport”.

Aggiunge: “A 14/15 anni ho pensato: ‘Devo iniziare a concentrarmi davvero sul golf’. Poi, ovviamente, grazie all’EDGA, ho pensato: ‘Ora ho tutto. Ho un’opportunità per giocare a livello agonistico”.

Johnny lavora con passione nel suo circolo di golf per renderlo un luogo sempre più accogliente per i visitatori. Il golf dovrebbe essere un gioco in cui ogni persona, indipendentemente dalle disabilità, dovrebbe sentirsi inclusa e rispettata.

“Gioco a golf con normodotati e disabili. Il golf è per tutti. È uno dei pochi sport al mondo in cui esiste un sistema di handicap. Puoi giocare contro professionisti, puoi giocare contro un handicap più alto, si tratterà sempre di un gioco equo. Questo è ciò che amo del golf”.

Cosa cambierebbe Johnny del gioco per i golfisti con disabilità al momento?

Risponde: “Probabilmente fare dei campi da golf più corti, ma più complicati”.

“EDGA era una piccola comunità. Ora è una comunità mondiale, il che è assolutamente fantastico. Ne adoro ogni parte. EDGA, per me, significa giocare con persone con diverse disabilità, il che è sempre un bene, perché non sai cosa c’è là fuori fino a quando non sei stato effettivamente a un evento e l’hai visto di persona.

Il golf è stato chiaramente di grande beneficio per Johnny e lo ha aiutato in alcuni dei momenti difficili mentre cresceva. Con questo in mente, quale consiglio daresti a un genitore che sta cercando di incoraggiare il proprio figlio o figlia a trovare fiducia in se stessi?

“Lasciare che il bambino faccia quello che vuole. Se a lui o lei piace fare sport, lasciali andare. Non trattenerli. Penso che qualunque cosa il bambino o la bambina voglia fare, se questo è il suo sogno, lascia che lo faccia”.

Johnny sta guardando avanti ai prossimi cinque o dieci anni, tra cui la scalata della classifica mondiale per i golfisti con disabilità (WR4GD).

“Spero che il mio golf migliori ancora. Sto cercando di lavorare sul mio gioco per cercare di entrare nella top 10 mondiale. Sarebbe un sogno che si avvera. Ovviamente, non so dove mi porterà. Spero che mi porterà lontano, magari a vivere a Dubai, un giorno, chissà. “


Contenuti simili

FedEx Acqua Fun

“Acqua? Quale acqua?” Deve essere ciò che è passato per la testa di Bill Haas nel 2011 dopo…
Total
0
Share