La “trappola” di Tiger

La “trappola” di Tiger . Fu questo il titolo che ho liberamente tradotto del video che fece impennare le vendite di un SUV della BUICK all’inizio degli anni 2000.

Il 1 maggio del 2003 Tiger Woods apparve a sorpresa su un percorso pubblico di Orlando in Florida,  pieno di golfisti ignari di cosa sarebbe successo di lì a poco.

A dire la verità era nascosto negli alberi con una dozzina di cameramen camuffati in attesa dei giocatori che avrebbero raggiunto la partenza della buca  12.

Non appena il gruppo avesse raggiunto il tee, il miglior giocatore del mondo sarebbe apparso dal nulla sorprendendo I giocatori con un’offerta: la possibilità di giocare la buca  tutti insieme con una Buick in palio.

Quello che succede dopo è a mio avviso una delle più belle pubblicità di golf  girate da Tiger di tutti i tempi.

La placca commemorativa della giornata Buick

Al video non manca nulla per essere visto e rivisto più volte, che sia  lui o no il vostro giocatore preferito.

Dategli un sguardo cliccando qui e poi continuate a leggere

Al di là della forza del personaggio e anche del particolare periodo di forma nel quale si trovava, la grandezza di Tiger sta nel riuscire comunque a performare nonostante la difficoltà che normalmente si incontrano nel girare  una pubblicità, con gli operatori nascosti, senza riscaldamento e interrompendo il regolare svolgimento del gioco a persone mai viste prima di quel momento.

Per l’epoca in cui fu girato era raro se non difficile vedere Tiger interagire con personaggi casuali in maniera così genuina.

Certo, c’era un copione, ma il botta e risposta con i giocatori è assolutamente a prova di falso. Così come le reazioni della gente comune, totalmente ignara di cosa stesse succedendo (operatori nascosti  compresi) che si trova d’improvviso la Tigre sul proprio tee di  partenza .

Come vi sentireste con Tiger che vi viene incontro mentre state giocando con gli amici ?

Comunque uno dei migliori botta e risposta é:

Giocatore: Sono un pò nervoso!

Tiger: Perchè sei nervoso?

Giocatore : Non lo so.., ho Tiger dietro di me!

Tiger : Vuoi che ti stia di fronte?

Tiger non perde un colpo (questa sembra scritta apposta)   neanche in presa diretta.

Ma la parte più importante del video è il suo scambio con Beverly Rettinger e il suo gruppo.

“Quando arrivò con il suo Golf cart,”  dice  la Rettinger  “Erano solo risate e battute fra ragazze”.

Woods firma i guanti delle sue compagne di gioco, poi dà il suo guanto alla Rettinger. Poi suggerisce, scherzosamente (quello che le golfiste avranno pensato) di giocare per una macchina.

Nelle immagini non si vede “La mia amica Helen Dennis  che dice: “Ok, giochiamo per una Porsche”. Ovviamente, ridiamo tutti. Nessuno aveva una Porsche».

Woods risponde “ Rappresento la Buick. Giochiamo per una Buick”. Il gioco era vero, anche se solo lui  ne era consapevole.

 Un legno 3.  La palla che esce dritta . Le amiche che applaudono felici. “Sì!” gridò Woods, completamente deliziato.

“Era felice come noi, onestamente, perché sapeva cosa sarebbe successo”, disse poi la signora.

Quella stessa signora che anni dopo smise per ben 6 anni di giocare per problemi di salute, ma ricominciò ispirata dal “suo” Tiger che tornò alle competizioni nel 2018.

Ce lo racconta qui in lacrime al termine dell’intervista al minuto 16 e 40″.

Un’altra bella storia.


Contenuti simili

38 sotto il Par

Il 10 giugno del 1977, sul South Course del Colonial Country Club in Tennessee, Al Geiberger, da quel…
Total
0
Share