Una settimana con Sergio

Come ho  accennato nel mio precedente articolo, il mitico Sergio, ovvero mio padre, è venuto a trovarmi a Dubai per una settimana.

Visto che la situazione Covid-19 in Italia è abbastanza complessa, ho deciso di rimanere negli Emirati più a lungo e di conseguenza papà, ha colto l’occasione per farsi qualche giorno di vacanza con me.

E’ stata la prima volta in cui abbiamo fatto una vacanza solo io e lui ed è stata per me una bellissima esperienza.

La cosa che forse più di tutte mi ha fatto impressione è stata vedere mio padre per sei giorni consecutivi senza il telefono che gli squillava ogni dieci minuti per le chiamate dai pazienti.

Finalmente un Sergio senza pensieri! 

Oltre a visitare  la città e fargli vedere le distese di grattacieli, l’ho portato con me al golf e mi ha seguito durante i miei allenamenti.

Ha potuto toccare con mano la realtà parallela che mi sono costruito qui a Dubai ed è anche lui rimasto sorpreso dalla semplice bellezza di vedere delle oasi verdi intagliate in una distesa di sabbia.

Il primo giorno insieme purtroppo l’ha passato a letto con il mal di testa, quindi una giornata l’abbiamo “persa” a casa.

Il secondo giorno invece è venuto subito con me all’Els Club a vedermi praticare ed ha tirato qualche colpo pure lui con i miei ferri.

Ecco, devo ammettere che è stata una pratica piuttosto turbolenta con il centro del bastone che si era spostato vertiginosamente verso la pipetta.

Dopo qualche dritta però sono riuscito a farlo uscire dalla “shankite” per permettergli di tornare a casa senza paranoie.

Forse l’unico momento della vacanza in cui l’ho visto con dei pensieri è stato proprio durante la lotta con il socket.

Una sera invece ho portato il Sergio a praticare al Montgomerie Golf Club dopo aver fatto i turisti tutto il giorno.

Abbiamo passato un’ora e mezza a tirare palline come dei forsennati con la musica del ristorante in sottofondo.

 

 

La mia definizione di paradiso!

Potersi allenare  di sera è un vantaggio incredibile perchè quando ho  bisogno di fare solamente pratica, vado al golf intorno alle 18.30 quando fa fresco e rimango li fino alle 21.

Così durante il giorno mi posso rilassare oppure dormire  la mattina.

La giornata più bella però è stata l’ultima.

Ho organizzato una partitella il lunedì con due soci del club.

Famiglia Ortolani vs All.

E’ stata una giornata indimenticabile. 

Era da tantissimi anni che non facevo 18 buche in sfida con papà e mi è sembrato di tornare bambino.

Le parole non bastano per descrivere quanto io mi sia sentito fortunato per aver fatto questa vacanza con mio padre.

Questa volta più che mai #graziesergio

 


Contenuti simili

I tatuaggi e il golf

I tatuaggi e il golf. Nella nostra quotidianità, dovendo associare il tatuaggio ad uno sport professionistico, pensiamo molto…
Total
0
Share