Orari e tornei della settimana dal 9 al 15 gennaio

L’anno nuovo è appena iniziato, ma il calendario dei Tour maggiori prevede già due imperdibili appuntamenti.

Il PGA Tour ha già ripreso la scorsa settimana con il Sentry Tournament of Champions e prosegue con un secondo appuntamento hawaiiano, mentre il DP World Tour, dopo la pausa invernale, inaugura il 2023 con la Hero Cup, che vede schierati gli azzurri Molinari e Migliozzi.

PGA Tour – Sony Open in Hawaii

Dopo l’appuntamento esclusivo (39 giocatori) della settimana passata, il PGA Tour ha ripreso la marcia verso la stagione 2022-23 con il Sony Open in Hawaii.

Questa è la 58esima edizione del torneo e si disputerà, come tutti gli anni, a Waialae. Dal 2007 ad oggi il percorso di gioco è un PAR 70, che misura 6.441 metri. I green in bermuda permetteranno allo Stimpmeter di raggiungere velocità fino a 12 piedi. Come a Kapalua la scorsa settimana, quindi, anche a Waialae il vero gioco sarà sui green e sul putt. Nonostante le topografie molto diverse (Kapalua è sul fianco di una montagna, mentre Waialae è pianeggiante e a livello del mare) il vento giocherà un ruolo fondamentale.

Salvo cambiamenti climatici imprevisti si prevede che il field abbia ottime possibilità di replicare la media score dello scorso anno (67,99).

La competizione ha un field di 144 giocatori , molti dei quali provenienti dal Korn Ferry Tour, ma vediamo chi sono i favoriti secondo i bookmakers americani:

J.J. Spaun: il campione 32enne ha conquistato un 5° posto al suo debutto a Kapalua. Partecipa al Sony Open per la sesta volta, ma dopo l’ottimo debutto della scorsa settimana c’è chi è pronto a scommettere che quest’anno le cose andranno diversamente.

Hideki Matsuyama: attuale campione in carica, ha segnato un 21esimo posto la scorsa settimana, ma si è già “acclimatato” alle Hawaii e dopo la vittoria nel 2022 potrebbe volere il bis.

Tom Hoge: al suo debutto a Kapalua si è classificato 3°, il migliore tra i giocatori che questa settimana saranno anche a Waialae.

Sungjae Im: è già alla sua quinta partecipazione al Sony Open, dove ha registrato due top 25.

Corey Conners: i precedenti dimostrano che raramente si arrende. Al Sentry Tournament of Champions si è posizionato 18esimo nel leaderboard scrivendo come miglior risultato della settimana un 67. Nelle precedenti edizioni del Sony Open (4 partecipazioni) ha ottenuto un 3° posto e tre top15. Secondo gli esperti vale la pena scommettere su di lui.

Jordan Spieth: per il campione americano si tratta della sua prima partecipazione dopo aver mancato il taglio nel 2019. E’ arrivato 3° nel 2017 e 18° nel 2018. La scorsa settimana ha ottenuto un 13esimo posto e sembra un’ottima premessa per vederlo sul podio.

Russell Henley: festeggia il 10° anniversario del suo primo titolo sul PGA Tour, ottenuto proprio qui a Waialae. Nell’edizione 2022 ha perso in un playoff contro Hideki Matsuyama.

Tom Kim: in passato solo una volta il Sony Open è stato vinto da un rookie del Tour, ma Tom Kim ha tutte le premesse per invertire questa “tendenza storica”. Dopo un 5° posto a Kapalua gli esperti sembrano vederlo come favorito.

Potremo seguire l’evento dal 13 al 15 gennaio, su DISCOVERY+ ed EUROSPORT, con il commento di Alessandro Bellicini e Nicola Pomponi alla seguente programmazione:

DP World Tour – Hero Cup

Il primo evento del DP World Tour del 2023 vedrà i giocatori dell’Europa Continentale e di Gran Bretagna e Irlanda sfidarsi in tre giorni di match play a squadre alla Hero Cup di Abu Dhabi.

Dal 13 al 15 gennaio il nuovo evento segnerà l’inizio del cosiddetto “Swing in Medio Oriente” (4 eventi consecutivi negli Emirati Arabi Uniti) e fa il suo debutto nel calendario del DP World Tour.

Francesco Molinari e Tommy Fleetwood sono i capitani delle squadre rispettivamente dell’Europa Continentale e della Gran Bretagna e Irlanda. Entrambi hanno lavorato in stretta collaborazione con Luke Donald, che supervisionerà l’evento in qualità di capitano della Ryder Cup 2023, per selezionare la squadra europea. I risultati ottenuti lo scorso anno nella classifica stagionale della Race to Dubai sono stati un fattore chiave nel processo di selezione dei giocatori.

La Hero Cup si disputerà in 3 giorni. Le due squadre, composte da dieci persone, si affronteranno in una competizione con formula 4 palle la migliore venerdì, due round di foursomes sabato (mattina + pomeriggio). Infine è previsto un round di match-play singoli per domenica.

Tutti i 20 giocatori saranno coinvolti in ogni formula di gioco ed il punteggio sarà quello classico che prevede 1 punto per il vincitore e mezzo punto a ciascuna squadra in caso di parità.

L’Abu Dhabi Golf Club non è  una nuova location nel calendario del DP World Tour. Ha già ospitato l’Abu Dhabi HSBC Championship per 16 anni consecutivi, a partire dal 2006. La club house è impressionante ed indimenticabile: disegnata a forma di falco con le ali spiegate.

I giocatori si affronteranno sul National Course, PAR 72 di 6.987 metri che presenta quattro PAR 5 di cui uno, la 18esima buca, da giocare sull’acqua, per garantire un finale scenografico ai match che giocheranno sino all’ultima buca.

Tre giocatori della squadra di Gran Bretagna e Irlanda hanno un bel ricordo delle precedenti “visite” al National Course: Fleetwood ha vinto due volte su questo percorso (Abu Dhabi HSBC Championship nel 2017 e nel 2018), prima che Shane Lowry trionfasse nella prima edizione da quando l’evento è stato elevato a “Rolex Series”, nel 2019. In campo ci sarà anche Tyrrell Hatton, vincitore sul campo nel 2021.

Le due squadre, insieme,  vedono schierati due campioni di Major, quattro vincitori di Rolex Series e 17 vincitori del DP World Tour.

L’azzurro Francesco Molinari, campione al The Open nel 2018, giocherà con Thomas Pieters, attuale defending champion all’Abu Dhabi HSBC Championship della prossima settimana.

A loro si aggiungono Sepp Straka, Alex Noren, e Guido Migliozzi, vincitore del Cazoo Open de France lo scorso settembre. L’Europa Continentale può contare anche su altri campioni, già vincitori del DP World Tour, come Adrian Meronk, Victor Perez e Nicolai Højgaard, sostituito all’ultimo momento dopo il ritiro per infortunio del fratello gemello Rasmus. Anche Thomas Detry è presente dopo l’ottimo inizio della sua stagione da rookie sul PGA Tour, mentre Antoine Rozner si è assicurato l’ultimo posto dopo aver vinto il 3° terzo titolo in altrettanti anni sul Tour (AfrAsia Bank Mauritius Open a dicembre).

Il capitano del team Gran Bretagna e Irlanda, Tommy Fleetwood, che ha ottenuto la sua sesta vittoria nel DP World Tour al Nedbank Golf Challenge a novembre, oltre ai sopra citati Lowry e Hatton, potrà contare su Seamus Power, che guida la FedEx Cup Standing del PGA Tour. Con loro in campo ci saranno anche i vincitori del DP World Tour Ewen Ferguson, Robert MacIntyre (79°  Open d’Italia) , Callum Shinkwin, Jordan Smith e Matt Wallace. Richard Mansell completa la formazione dopo un anno di successi in cui il campione inglese ha ottenuto sei top10.

Il torneo sarà in onda sui canali 201/206 di SKY, con il commento di Silvio Grappasonni, Massimo Scarpa e Michele Gallerani alla seguente programmazione:

G4D Tour @ Hero Cup 2023

Dal 13 al 14 gennaio 2023 all’Abu Dhabi Golf Club ci sarà il secondo appuntamento della stagione 2023 del G4D Tour. Gli otto giocatori con disabilità convocati sono: Brendan Lawlor, Juan Postigo, Kurtis Barkley, Tommaso Perrino, Mike Browne, Bradley Smith, Jeremy Bittner e Geoff Nicholas.

Come già anticipato, la seconda stagione del G4D Tour (Golf for the Disabled Tour) prevede un calendario ampliato di otto eventi in sei Paesi, con l’introduzione di un ordine di merito stagionale per determinare il giocatore n° 1. L’attuale vincitore, Kipp Popert, che ha vinto quattro titoli nella stagione inaugurale, ha ottenuto la sua quinta vittoria nel G4D Tour all’Australian All Abilities Championship, che ha aperto la stagione lo scorso dicembre.

EDGA Amendoeira Open 2023

Dal 14 al 15 gennaio 2023 all’Amendoeira Golf Resort – The O’Connor Course, si terrà l’Amendoeira Open.

Prima data del mini tour denominato ‘Portugal Swing’ che come di consueto inaugura la stagione dell’EDGA Tour, valida per il ranking mondiale dei golfisti con disabilità WR4GD. I partecipanti totali sono 53, tra cui la Campionessa Europea in carica l’olandese Daphne van Houten, l’inglese George Blackshaw e il gallese Mike Jones. Numerosi i giocatori azzurri iscritti: Luisa Ceola, José Bagnarelli, Cristiano Berlanda, Edoardo Biagi, Pietro Andrini, Angelo Colussi, Riccardo Bianciardi, Davide Fascì, Andrea Fusacchia, Fabrizio Gardiol.


Contenuti simili
Total
1
Share